martedì 4 novembre 2014

L'albero di Natale Perfetto?

Ci siamo quasi! Finalmente le temperature iniziano ad abbassarsi e siamo legittimati a fare acquisti natalizi senza sembrare dei pazzi furiosi (ebbene sì, io ho iniziato a Luglio, dando forse l'idea di non essere del tutto a posto!)

Vi sembra prematuro? Mon Dieu, no! Il mio consiglio è quello di non ridurvi all'ultimo momento, ma di pensare per tempo a quello che realizzerete per festeggiare il momento più bello dell'anno. Spero, con i post che seguiranno, di riuscire a trasmettervi un po' del mio entusiasmo natalizio, in attesa del magico magico Natale 


In un  precedente post (che potrete leggere clickando qui ) ho anticipato la mia opinione sul fatto che a Natale non dovrebbero esserci regole precise da seguire e, in effetti, sono convinta sia così. Però occorre sottolineare che molti di noi non abbiano assolutamente idea di come addobbare un albero e ancor meno di come iniziare ad allestire la casa in vista del Natale.

Le parole che seguiranno, vorrei chiarirlo con enfasi,  non hanno la pretesa di essere delle verità assolute, ma vogliono essere indicazioni generiche che potrebbero essere d'aiuto a quanti volessero, per la prima volta, cimentarsi nella "costruzione" di un ambiente natalizio accogliente e suggestivo.


Il RE indiscusso della Decorazione Natalizia è l'Albero.

Dorothy Draper


Prima di ogni altra cosa, è necessario stabilire se siate persone da Albero Vero, oppure da Albero Artificiale. 

Indubbiamente un albero vero è più suggestivo. Gli aghi che cascano, il profumo di abete (o di pino), il sapore d'inverno e di natura che un albero può portare in casa hanno un fascino incomparabile. Però, tengo a sottolinearlo con forza, un albero vero NON dev'essere un albero MORTO. Col bisogno di verde che abbiamo a questo Mondo, non mi pare proprio giusto che si alimentino il fenomeno del disboscamento e della deforestazione.
E non m'importa se "per ogni albero abbattuto ne vengono ripiantati due, tre, dieci mille..." 
Ammazzare un albero è un DELITTO.





Se volete un albero Vero, prendete un albero vivo, completo di radici, terra e vaso. Ci sono dei vivaisti e dei rivenditori (credo anche l'Ikea) che offrono la possibilità di restituire l'albero, una volta passato il Natale. Questo se non avete un un bel terrazzo o un grande giardino in cui porre l'albero a dimora quando avrete smantellato gli addobbi Natalizi.

La realtà più diffusa è quella degli Alberi artificiali. 
Qui potrebbero nascere polemiche sul fatto che per produrre un albero ci sono comunque ripercussioni sull'ambiente, perché le fabbriche inquinano, e poi c'è il lavoro minorile, lo sfruttamento dei lavoratori, il trasporto e blablabla...se siete di questo avviso, consiglio di tornare al paragrafo "Albero Vero", sempre a condizione che Vero sia sinonimo di Vivo.




Se invece, come me, preferirete scegliere alberi artificiali, comprate degli alberi che abbiano un minimo di certificazione di provenienza. Altro consiglio è quello di guardare lontano. Se spenderete poco per il vostro albero, a distanza di un anno o due, sarete probabilmente costretti a ricomprarne uno nuovo. Un albero di buona qualità è un albero che durerà negli anni, nei decenni addirittura. Credetemi. Spendere poco significa spendere di più. Inoltre, acquistando un solo albero per tutta la vita (o quasi...) avrete comunque dato una mano all'ambiente!

Altra precisazione imprescindibile: se per gli alberi artificiali potrete scegliere qualunque posizione all'interno della vostra casa, sappiate che un albero vero abbisognerà di più attenzione. Gli alberi veri non vivono esattamente "a proprio agio" in appartamento. Ricordatevi che sono abituati alle temperature esterne  ed alla luce diretta del sole, quindi, se possibile, evitate di posizionarli di fianco a un termosifone o in prossimità del caminetto o di  una stufa(!) e -ugualmente importante- non posizionateli in ambienti bui, privi di luce solare. Ovviamente (inutile precisarlo) visto che avrete acquistato un albero VIVO, ricordatevi di nutrirlo, di dargli da bere (se non vorrete farlo morire vanificando bellamente i vostri buoni propositi e ridicolizzando la vostra vocazione di ambientalisti!) e magari, di tanto in tanto, sarebbe bene che vi ricordaste di nebulizzare un po' d'acqua sui rami per mantenerlo idratato. Ultimissimo suggerimento: non esagerate con gli addobbi. I rami di un albero vero non hanno un'anima in fil di ferro da piegare e sistemare a vostro piacimento e non possono sostenere grossi pesi senza patirne. Meglio usare delle decorazioni molto leggere. Il fascino al vostro Natale verrà comunque garantito dall'albero stesso!  ;)




Ok, ora avete deciso quale albero comprare. La Prossima mossa è quella di scegliere accuratamente DOVE posizionarlo. 
Buona norma vuole l'albero in una posizione da cui sia possibile goderne sempre, quindi per esempio in soggiorno (dove accoglierete amici e parenti durante le festività) e possibilmente posto in prossimità di una finestra, in modo da contribuire ad arricchire il clima Natalizio della vostra città con le vostre lucette!




Se non avete spazio in soggiorno, cercate di approfittare comunque di zone di passaggio obbligato (tipo l'ingresso) e se non avete un ingresso, o se trovate che relegare l'albero in una zona che preveda soltanto una visita saltuaria, sappiate che gli alberi vengono venduti di varie forme, colori e MISURE
Non necessariamente dovrete acquistare un albero di tre metri d'altezza perché risulti bello e magico. Potrete scegliere, in mancanza di spazio, anche degli alberi piccini, da posizionare magari su una credenza, o su un tavolinetto ausiliario (essì, per un mese all'anno i vostri preziosi vasi cinesi potranno anche restarsene chiusi nell'armadio!). Fate solo in modo di aggiudicarvi un albero bello folto, qualunque sia la sua dimensione.




Se invece non avete problemi di spazio e opterete quindi per un albero molto grande, ricordate di valutarne sempre l'altezza: perché l'albero non sembri "sacrificato" all'interno di una stanza, considerate di lasciare almeno venti o trenta centimetri di spazio nella distanza tra puntale e soffitto.



Davvero pensate che nel vostro bilocale non ci sia spazio per il Natale?
Naaaah!
Improvvisamente c'è spazio per ben DUE alberi :)


Le dimensioni non sempre contano :)

Addirittura, per ovviare alle questioni di spazio, oltre al già ben noto albero "slim", ci sono oggi in commercio delle alternative a dir poco innovative:

Un albero sezionato, da appoggiare a parete, pensato per ingombrare la metà!

Oppure, più semplicemente, basta dare libero sfogo alla fantasia 
(o lasciarsi ispirare da chi ne ha avuta più di noi!)

Un'idea delicatissima per creare la magia del Natale in pochi centimetri di spessore!


Geniale. E se non volete bucherellare le vostre belle pareti,
potete sempre pensare di "costruire" il vostro albero su un pannello di legno e semplicemente
poggiarlo contro il muro!

E' il pensiero che conta, giusto?


Per i più audaci, da un po' di tempo è possibile acquistare anche alberi che "capovolgono " il concetto di "Tradizionale "...

Solo per tipi anticonvenzionali, gli alberi capovolti risolvono i problemi di spazio e sono veramente scenografici, sicuramente di grande impatto!



Insomma, qualunque forma vi si addica di più, l'importante è decorare.
E allora, cosa stiamo aspettando?
Decoriamo! ♥ 

Il primo passo da seguire, secondo me, è la scelta dello schema colori. Se non siete degli irriducibili Fashion Victims, sorvolate bellamente sulle tendenze del momento e scegliete in base ai vostri gusti e, se proprio non sapete da dove partire, guardatevi intorno: 
quali sono i colori che starebbero bene in casa vostra?
Poi, se siete tipi concettuali, pensate anche a un tema, per il vostro Natale.

Prendetevi  il tempo necessario per capirlo e solo allora dedicatevi allo shopping natalizio!



Candido bianco con punte di oro

Rosso e bianco e argento per un albero a cavallo tra il nuovo ed il tradizionale


Addobbi sovradimensionati per un effetto strabiliante!

La molteplicità di possibili abbinamenti di colori e forme richiederebbe non poche righe di un post, bensì  probabilmente un intero Blog (!), ergo vorrete perdonarmi se non mi metterò ad elencarle. Diciamo solo che, in linea di massima, se le associazioni cromatiche non sono la vostra forza, un paio di colori (di cui uno sia magari oro, oppure argento, tanto per andare sul sicuro) sono il massimo tollerabile perché l'albero non si trasformi in un disastro. Ricordatevi che le trasparenze e le superfici sfaccettate (pendenti o palline di vetro, cristalli e via discorrendo) stando bene con quasi ogni stile, non entreranno in conflitto con i colori che avrete scelto, quindi non solo non comprometteranno la riuscita del vostro albero, ma anzi, ne esalteranno la bellezza!

Personalmente non disdegno  gli alberi monocromatici, ma credo anche che ci voglia molta abilità per non trasformare un albero monocromatico in un albero noioso. Giocate sulle sfumature della stessa nuance, fate sì che le luci siano protagoniste e pensate a degli inserti inusuali e in tema col vostro concept. Sarà un buon inizio.




Se vi piacciono gli alberi multicolor, fate un albero multicolor, ma anche lì, fate attenzione a come vi muovete. Basteranno tre colori bene assortiti per ottenere grandi risultati senza che l'albero si trasformi in un abnorme incidente visivo.

Un albero dalle tinte forti e tutto al femminile!


PREMESSA:

Prima di tutto la Musica. Se volete che l'albero vi riesca bene, non potete lavorare in una stanza silenziosa. Assolutamente NO. V'immaginate che tristezza?! Prendete un Cd, collegatevi a Youtube, fate partire il vostro iPod, usate qualunque supporto vi aggradi, ma...mettete su della buona musica natalizia! Qualunque cosa andrà bene: da Jingle Bells a Silent Night, dai Beatles a Elvis fino a Bublé. Quello che preferite, ce n'è davvero per tutti i gusti, l'importante è che il clima natalizio si diffonda nell'aria!
Il mio album natalizio preferito!



1) Il Colore dell'albero

Oltre all'albero di un bel verde tradizionale (occhio che a seconda delle ditte cambia anche il tipo di verde), esistono ormai in commercio alberi di qualunque colore vi venga in mente. Anche bicolor.
Personalmente non comprerei mai un albero rosso, o un albero viola, o un albero blu, né tantomeno un albero bicolore. Dio ce ne liberi.
Il mio preferito rimane l'albero tradizionale, e non mi dispiacciono assolutamente gli alberi innevati, che -se ben bene agghindati- sono forse i più suggestivi in assoluto.
Ammetto di non disdegnare gli alberi bianchi; tuttavia, trovo che sia difficile rendere veramente bello un albero bianco. Se andrete per un albero bianco, fate in modo che sia un albero sobrio ed elegante. Bianco e argento, Bianco e Oro, Oro e Argento, Bianco su Bianco (!), perché no? Ricordate che qualunque colore forte staglierete su un albero bianco, tenderà a risaltare moltissimo, prendendo il sopravvento sugli altri addobbi; quindi, se andate alla ricerca dell'eleganza anche a Natale, siate parsimoniosi e procedete per piccoli passi, aggiungendo solo dove serve, se serve, scegliendo con cura ogni singolo addobbo. Essì, qualche pallina è possibile che per quest'anno dovrà tornarsene nello scatolone in garage...Mi spiace cara, sarai più fortunata!



Un albero tradizionale (o innevato), vi darà la possibilità di cambiare idea nel corso degli anni semplicemente sostituendo pochi addobbi. Il classico, dopotutto, non tramonta mai. Le mode, al contrario, durano sempre troppo poco ;)

Un albero innevato ha qualcosa di fiabesco :)

Ps: Ok, ho acquistato un albero NERO, ma si tratta di un alberello, piccino piccino, e sarà un secondo albero. Quello principale è un bell'albero tradizionale!

Chi saprà resistere al Black?


2) Le Luci

Una volta montato l'albero (lavoro non da poco...), la prima cosa che andrete a posizionarvi saranno le luci. 
Ora, le luci sono probabilmente la spesa più grande da affrontare quando "costruirete" l'albero per la prima volta, ma, come per l'albero, è importante non lesinare, perché le luci sono fondamentali quanto l'albero stesso. Se possibile ancora di più.
Potete rinunciare alle palline, se necessario, ma le luci proprio non possono mancare. Mai. Mai. Mai.
Il grande potere della luce, la sua poesia...


Inciso: io DETESTO le luci multicolor che fanno tanto Luna Park (E' l'albero di Natale, non quello della Cuccagna) ma se avete bambini sotto i 12 anni, beh...loro potrebbero apprezzare.


Le luci (secondo la mia modesta opinione) devono essere tante (tantiiiiissime) e tutte dello stesso colore; dal bianco freddo per gli arredamenti più moderni, al bianco caldo per dare più magia. Io eviterei i led Blu. Se vi piacciono delle luci azzurrate, comprate il bianco freddo e vi avvicinerete ai vostri desideri senza sfociare nel puro stile ...Discoteca.




Quando le acquistate, calcolate le misure del vostro albero per sapere orientativamente quante serie ne serviranno per ricoprirlo tutto in modo che  sia illuminato uniformemente (in sostanza, dovrete prenderne tante. Melius  abundare quam deficere, dicevano i Latini).  Non comprate luci di marche diverse. Prendete multipli dello stesso prodotto. Nello stesso colore e con gli stessi giochi di luce, o, parola mia, vi ritroverete con degli effetti stroboscopici tali da indurre all'epilessia anche i soggetti meno a rischio. 

Sistemate le luci vicino al fusto dell'albero, non solo sull'orlo esterno: questo darà maggiore profondità e gli addobbi risalteranno di più.

Comprate  luci di buona qualità. Certificate.
Difficilmente vi andrà a fuoco l'albero, ma, in linea di massima, sarebbe sempre opportuno collegare le luci all'elettricità mediante appositi dispositivi di sicurezza (multiprese con salvavita): si tratterà di una spesa che, a Dio piacendo, ammortizzerete nel corso degli anni.

Ultimissimo suggerimento: quando acquistate le luci natalizie avete il diritto di testarne il funzionamento prima di pagarle. Controllate che si accendano tutte.
Idem se già ne avete a casa. Prima di montarle sull'albero, collegatele a una presa e assicuratevi che funzionino correttamente. Pensate il disastro se, una volta completato l'albero, vi doveste accorgere che le luci non vanno! Vi toccherebbe smontare tutto e perdere il meraviglioso lavoro che avrete fatto! Inoltre, montare le luci mentre sono accese, vi darà la possibilità di valutare  se state "illuminando" a dovere ogni zona dell'albero. Di tanto in tanto fate due passi indietro e controllate come stanno procedendo i lavori. In questa fase siete ancora in tempissimo a correggere il tiro :)


3) I Festoni (o catenarie o ghirlande)

Non c'è una vera regola sul momento più indicato per introdurre le ghirlande.
A seconda del tipo di albero, a seconda delle ghirlande che avrete scelto, potete metterle subito dopo le luci (in caso di festoni molto voluminosi) o anche dopo le palline. Personalmente preferisco posizionarle PRIMA delle palline, per essere sicura di non trascurare neanche un ramo del mio albero. Potreste anche non metterle affatto eh, a voi la scelta!
Qualunque stile abbiate deciso di dare al vostro albero, vi prego, vi SCONGIURO: non caricate il vostro albero con gli orripilanti "tinsel", quei boa e fili in plastica sbrilluccicosa dal tipico sapore '80s. Ricordatevi che è Natale, non un party studentesco da film americano.

ORRORIFICI. Vi prego NON SULL'ALBERO!

Le strenne natalizie e le ghirlande decorative in genere andranno benissimo e arricchiranno il tutto senza prendere il sopravvento sulle palline che appenderete in un secondo momento.
Fili di perle (sintetiche, ovviamente!!!), collane di brillantini, nastri, retìne, sonagli, tulle...quello che più vi aggrada. In commercio si trova veramente di tutto e non è necessario spendere una fortuna per ottenere un bell'effetto, senza considerare che col fai da te si possono fare miracoli! :)

Una ghirlanda "fai da te"!

Nastri e perle per i  tradizionalisti

Una elaborata ghirlanda in stile Vittoriano per un albero dal sapore "antico"

Del Tulle bianco per un albero fiabesco!

4) Le Palline

Ora, qui si apre un mondo. Noto solo ora di aver scritto un post lungo dieci chilometri, e le palline avrebbero veramente bisogno di essere trattate in un post a parte. Tuttavia, volendo TENTARE di essere sintetica, fissiamo alcuni punti fondamentali.

Le palline dovrebbero essere comprate in serie. Non tutte uguali, ma come minimo in piccoli gruppi. Esiste una scuola di pensiero che vuole tutti gli addobbi diversi l'uno dall'altro, ma io decisamente non ne faccio parte. Sarà che sono del segno della Vergine, ma mi piace l'ordine. O un "meditato disordine" (quando mi sento creativa). Tendenzialmente però, agirei in questo modo:
una volta stabilito lo schema colori del vostro albero, scegliete una predominante.
Se -per esempio- doveste decidere per, non saprei..."Bianco, Azzurro e Argento", decidete quale sarà il colore di base. Diciamo il Bianco?
Ok, allora comprate un sacco di palline bianche e a scalare scegliete l'argento. Questo costituirà una base neutra per le vostre scelte future, in cui potrete decidere se mantenere l'azzurro (come in questo caso preso ad esempio) o se sostituirlo con altro colore. Di buono ci sarà che di anno in anno vi basterà comprare solo le palline del vostro nuovo colore preferito, senza dover rivoluzionare tutto e  senza quindi spendere una fortuna! 
In generale, create una base colore su cui poter lavorare nel tempo. Bianco e Argento, Bianco e Oro (elegantissimo!), Azzurro e Argento, Oro e Argento e via discorrendo. Per dare vita al vostro albero e vitalizzare la base neutra su cui andrete a lavorare, basteranno pochissimi accenti del vostro colore preferito. Per esempio, un albero bianco e argento sarà bellissimo con pochi tocchi di rosso, o di Blu, o di Rosa, o di Turchese. Stessa cosa dicasi per un albero dalla base bianco-oro. Insomma, avete capito: lasciatevi aperte delle possibilità. Quando si parte da una base neutra, si possono ottenere risultati incredibili con veramente poco sforzo.

E se per voi il Natale fosse solo Rosso? O addirittura Rosso&Oro? Personalmente non amo il binomio Rosso-Oro, lo trovo un po' opprimente, però De gustibus non disputandum est (!), quindi l'unica cosa che mi sento di consigliarvi è di essere misurati. Rosso e Oro, posti in combinazione tra loro, sono di per sé una miscela abbastanza...forte. Fossi in voi andrei di  palline semplici ed eleganti per non involgarire il tutto.




Siete indecisi sulle varie forme dei vostri addobbi? Spesso e volentieri, andare per le classiche sfere si rivela l'idea più saggia.
Certo, mi piace introdurre addobbi di forme e materiali diversi, ma quando decido come decorare i miei alberi, il punto di partenza sono sempre le classiche palline sferiche.  E per "punto di partenza", intendo la BASE. Le forme alternative (così come i colori "annuali") sono soggette a cambiamenti di stile. Possono essere mantenute anno dopo anno, oppure essere sostituite o destinate ad altri usi. (del riciclo di vecchi addobbi magari parleremo in un nuovo Post!) In tutti i casi, se vorrete seguire un mio consiglio, gli addobbi "particolari" non dovrebbero mai battere in numero quelli più "basic". Ovviamente la mia è solo un'opinione. Personale. Mia.

Carinissime, vero? In quanto tempo vi verranno a noia? :D

Il classico è intramontabile.

Va detto, ci sono palline e palline. Personalmente prediligo quelle in vetro (non necessariamente trasparenti) e in sostanza aborro quelle in plastica, che riportano quell'orribile segno di giuntura lungo tutto il diametro. I prezzi, com'è facile intuire, sono molto diversi: se quelle in plastica vengono vendute in mega confezioni a prezzi stracciatissimi, quelle in vetro vengono solitamente vendute singolarmente, a prezzi...più alti.
E poi ci sono palline inconsuete, eclettiche, iper decorate (magari a mano!), o quelle che si comprano in gioielleria... in vero argento, in vero Swarovski, che costano un occhio della testa. "Palle di lusso", in buona sostanza :)
Scorso anno ho fatto una mezza follia in questo senso, ma sorvoliamo, nel caso mio marito decidesse di leggere questo post.


Naturalmente è possibile decorare un albero anche facendo a meno dei classici addobbi o comunque limitandone parecchio l'utilizzo in favore di elementi più inusuali:



Potete optare per le piume!

Per dei grandi fiori artificiali...

Oppure utilizzare meravigliosi oggetti vintage, dalle forme più disparate!

Come sempre, tutto andrà bene, quel che conta veramente sono i vostri gusti. Generalmente consiglio di optare per temi "classici" se siete personalità un po' volubili e inclini al cambiamento, insomma, se tendete a stancarvi presto delle cose! Piccoli cambiamenti ogni anno saranno economicamente sostenibili, mentre rivoluzionare completamente il vostro albero ogni volta, beh...sarebbe una bella botta. 

Per quanto riguarda il posizionamento delle palline, non c'è una vera e propria regola, ma delle indicazioni veloci spero di riuscire a darvele.
I tipi più creativi non avranno certo bisogno di alcuna linea guida; a chi invece vuol giocare sul sicuro e punta ad un albero semplice ed elegante, possiamo dire che, una distribuzione bilanciata degli addobbi, aiuterà a non incasinare tutto.

Sistemate prima di tutto le palline più grandi, cercando di posizionarle in maniera uniforme.  Se avete addobbi in vetro trasparente o dalle superfici molto riflettenti, piazzateli strategicamente in prossimità dei led: le luci del vostro albero si moltiplicheranno generando meravigliosi effetti luminosi.
Poi passate alle palline più piccole e se avete delle decorazioni particolari o da collezione, cercate di dal loro una posizione da protagoniste.
Non tutti abbiamo la possibilità di posizionare l'albero a centro stanza. Spesso l'albero verrà montato in un angolo e questo significa che una sezione verrà lasciata con le spalle al muro. Concentratevi dunque sulle parti a vista e sentitevi liberi di "trascurare" (non del tutto) la parte lasciata con...le spalle al muro :)

Se non possedete milioni di palline, servitevi di decorazioni "riempitive" per evitare che sul vostro albero ci siano dei "vuoti". Grossi fiori artificiali, cristalli di neve, fiocchi giganti, uccellini dalle code piumate...quello che preferite, ma vi prego: un albero "spelacchiato" non è mai bello da vedere!

è il caso di dirlo: che Palle!!!




5) Il Puntale

Io non sono un'amante del Puntale, o almeno, non del classico puntale.
Mi piace che l'albero, da Re della decorazione natalizia, abbia una corona; semplicemente non credo che questa corona debba essere rappresentata necessariamente da un puntale... a punta.




Ci sono tante valide alternative che meritano la nostra considerazione. Il mio consiglio è quello di non essere "chiusi". Un bel fiocco in cima all'albero, o una stella, o una coccarda gigante...o addirittura una decorazione pendente dal soffitto! Perché no? Perché non essere creativi?
Una magnifica esplosione di raggi dorati!

Piume di Pavone 
Uno starburst Mirror e una ghirlanda fatta di bottoni!  


6) La Base dell'albero

Sia che posizioniate il vostro albero su un piedistallo, sia che lo lasciate a terra, ricordatevi che nulla è più brutto da vedere di quell'orribile supporto di ferro (o peggio ancora, di plastica!) di cui quasi tutti gli alberi son dotati. Alcuni vengono venduti già con una base alternativa (tipo un bel vaso o chessò io), ma la maggior parte no,  pertanto bisognerà pensare a come nascondere quella base. Vi prego, non trascurate questo dettaglio.
Vi.
Prego.



Esistono delle "gonnelline" preconfezionate per le basi degli alberi, ma non è necessario investire dei soldi per adempiere a questo scopo. Basterà avvolgere la parte bassa dell'albero con del tessuto o farsi venire una buona idea per completare al meglio la vostra opera!

Una pelliccia d'orso polare (sintetica!) in tema con l'inverno

Se non siete da tessuto, vi basterà procurarvi scatole di cartone vuote, in varie misure, e incartarle come se fossero dei regali veri! Soluzione perfetta: di anno in anno, basterà cambiare la carta regalo per cambiare look alla base dell'albero (e potrete aprire i regali di Natale  in anticipo, come faccio io, gh.)





Considerazioni finali:


Se è la prima volta che fate un albero, avrete sicuramente delle spese belle alte da sostenere. Un albero di buona qualità e le luci a led già avranno risucchiato buona parte della vostra tredicesima. 

Il mio consiglio è di non andare per il tutto-e-subito. Meglio poco per volta (ma di buona qualità) che lo spesone da centro commerciale a base di prodotti a buon mercato (che probabilmente prossimo anno vorrete buttare via!)
Prendete il minimo indispensabile perché il vostro albero non sia proprio spoglio. E non entrate in un negozio di decorazioni con l'idea di prosciugarne le scorte e di comprare tutto lì. Acquistate un po' per volta. Comprate quello che vi piace, man mano che vi capiterà di girare per negozi e bancarelle durante tutto il periodo natalizio (e anche dopo, durante i saldi natalizi!!!), man mano che scoprirete modi carini di addobbare l'albero con oggetti semplici e magari gratuiti (come  pigne, rametti secchi o nastri riciclati dai pacchi regalo!), man mano che vi accorgerete se ci sono o meno degli spazi da riempire.

Diluite gli acquisti, e non solo per una questione di soldi, no. Fatelo perché l'ispirazione è spesso intermittente, fatelo perché l'albero deve dare emozioni e non potete  studiarlo interamente a tavolino.  Sarà bello costruirlo un po' per volta, giorno dopo giorno, anno dopo anno, possibilmente insieme alle persone che amate e che lo addobberanno con Voi fino a renderlo unico e speciale. E non dimenticate una cosa fondamentale: l'addobbo più prezioso del vostro albero sarà il Cuore, quindi mettetecene tanto tanto tanto! ♥ 



2 commenti:

  1. Wow, complimenti per il post! Il tuo blog ora è salvato nei miei preferiti! Michela

    RispondiElimina